Moussa

Nato in Senegal viene iniziato,fin dalla tenera età, alla poliedrica tradizione artistica Africana dal padre Babacar Lô, insegnante di storia delle tradizioni, musica, danza nonché famoso pittore ed ideatore della tecnica denominata fixé sous-verre: fissaggio di china e colori sotto vetro.

Nel 1986 partecipa al “Festival International Panafricain des Artes et Cultures” tenutosi in Senegal nella cittadina di ‘Mbour, conseguendo il diploma di Artista e Coreografo. Poco dopo inizia la sua carriera presso l’Ecole des Artes et Cultures di Dakar presso la quale insegnerà per quattro anni.
Custode ed esperto conoscitore di danze, ritmi e tradizioni dell’Africa Occidentale collabora con diverse compagnie tra le quali: Ballet Ritme Africaine du Sénégal, Ballet d’Afrique Noir, Unité Africaine (per la quale ha lavorato come coreografo) e Ballet National du Sénégal. Ha collaborato con famosi musicisti fra i quali: Youssou N’dour, Ismael Lô e l’orchestra Nazionale del Senegal.

Dal 1992 al 1995 è stato direttore artistico della compagnia di danza Super Tam Tam d’Afrique. Nel 1995 si reca in Europa in tournée e collabora all’incisione del disco e alla realizzazione del video di Jovanotti “L’ombelico del Mondo” . Dal 1996 vive stabilmente in Italia insegnando danza e percussioni.

Dal 1996 al 2003 ha collaborato in qualità di coreografo presso il Centro Permanente Danza “Let’s Dance” di Reggio Emilia.
Nel 2002 viene, inoltre, nominato direttore artistico dell’Accademia della Danza e della Musica di Modena.
In questi stessi anni tiene stages e laboratori professionali in Italia e all’estero (Francia, Spagna, Svizzera, Belgio, Germania, Inghilterra, Stati Uniti, Canada e Africa) fonda numerosi gruppi di danza moderna, afro salsa e funky in Europa ed il gruppo multietnico di danza tradizionale africana “Sundiatà” del quale è ancora oggi coreografo e direttore artistico.

Nel 2004 fonda l’Associazione Interculturale Afrodanzalo in seno alla quale realizza numerose esperienze. L’attività sociale esordisce sotto la sua guida con il Festival delle Arti Africane tenutosi nel giugno del 2004 a Reggio Emilia. Per una settimana il centro storico della città è stato animato con spettacoli, sfilate di moda, mercati di artigianato africano, mostre di pittura e stages di danza, canto e percussioni aperti al pubblico.

Dal 2005 collabora in qualità di insegnante e coreografo con il Centro Internazionale danza di Parma.
Nel 2007 inizia la sua collaborazione artistica con la scuola di danza Arcadia di Reggio Emilia.
Nel marzo 2008 ha inciso e pubblicato il suo primo album intitolato “In Memory of Brass” in collaborazione con la Compagnia di danza “Sundiatà” .
Nel 2010 ha inciso il suo secondo album intitolato “Sama Afrique” ” tributo alle tradizioni e ricerca sull’influenza e l’integrazione della musica Africana con i generi musicali del mondo Occidentale.
Negli ultimi anni oltre a curare la presidenza dell’Associazione Afrodanzalo, ha tenuto stages, ateliers di danza (afro, hip – hop , salsa africando, Kizomba, afro moderna) e musica in Europa e Stati Uniti.
Nel 2012 in collaborazione con l’amministrazione Comunale di Fernays in Francia ha curato la realizzazione di un progetto di musicoterapia dedicata ai bambini affetti da autismo residenti nella circoscrizione.
Grazie all’amore, alla profonda conoscenza della sua cultura, allo spirito pionieristico e alla curiosità avuto nell’approccio con le culture straniere, Moussa Lô ha potuto fondere in nuovi stili di danza e musica le origini della tradizione Africana e quelle delle culture ospiti. Infatti, tale dialogo ha storicamente dato origine a molti generi musicali e stili di danza. Ne siano d’esempio: salsa, bachata, merengue, hip-hop, reggae, funky, R&B e Kizomba, capoeira, jazz ecc.